Anna Malverdi

Ha studiato  all’Accademia di  Belle Arti   e alla Scuola Libera  del  Nudo  di  Bologna.

 I suoi temi  preferiti  sono  oltre alla figura umana , in particolare  quella femminile, anche  scorci  di  grandi metropoli o al  contrario , ordinate e definite  ambientazioni   d’interni. Anche la natura e i fiori sono soggetti molto amati dall’artista la quale, per realizzare i suoi lavori, utilizza  in prevalenza  tecniche di pittura ad olio, acrilico e pastello che stende innestando una velata malinconia, quasi una sensazione di  ‘assenza’ caratterizzante la maggior parte delle sue opere. Anna Malverdi  da vari anni   lavora  anche alla calcografia, xilografia e serigrafia: tecniche divenute piuttosto rare poichè   richiedono  grandi  capacità  di precisione nell’ esecuzione tecnica  del   segno .

I suoi quadri  comunicano  uno stato  d’animo  inesprimibile    attraverso il verbo  e dunque  si  serve  del  linguaggio visivo per     trasmettere, tramite la rappresentazione pittorica, lo specchio d’ una realtà   esistenziale che altrimenti  rimarrebbe inespressa 

(Testo di  Anna Rita Delucca -gennaio 2018 -Copyright)

 

                                                                anna.malverdi@alice.it

Vanitas     –    In questo  quadro  di  Anna  Malverdi  si  racconta  la simbologia della Vanitas ovvero  la raffigurazione  del  concetto  che tutto è caduco , che tutto ha una fine   e dunque si  ripercorre un tema antichissimo ,affrontato  nella  storia  dell’arte  da  grandi maestri  di tutto il mondo .
Il fiore reciso  infatti ne rappresenta il significato più pregnante .Le margherite reclinate – umili  e delicate-   si spengono a poco  a poco, mentre  assistono al lo sfiorire della loro  gentile bellezza .

 

Anna Malverdi (prima da sinistra ) nel gruppo           artisti al vernissage de i Simboli nell’arte

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *