Laura Zilocchi

capogrL’artista vive nella quiete di  Brescello,il paesino  reggiano di  Don Camillo e Peppone .Da giovanissima ha frequentato due maestri emiliani della pittura emiliana ,  Bartoli e Moscardini,  da cui ha  appreso  anche l’uso dell’inchiostro a china .2014-60515-298977_21304_16624_t

 La sua storia artistica subisce una sensibile evoluzione che trasforma  lo studio per il classico figurativo e l’amore per l’acquerello (in cui  si cimenta con maestria   nelle nature morte, soggetti floreali  e vegetali, creando contesti  di romantica percezione dell’elemento naturale ) in una ricerca di argomenti  pittorici legati  più che altro al filone surrealista ,tanto da richiamare immediatamente al pensiero dello spettatore l’opera  di Mirò e a volte addirittura ai segni astratti di  Capogrossi, con  i suoi elementi  simbolici  e linguaggi celati  nelle antiche scritture  di civiltà  ormai perdute. Evoluzione e sperimentazione dello stile caratterizzano la ricerca artistica di  Laura Zilocchiravanelli

  (Testo di  Anna Rita Delucca – Copyright)CFD0LCqW8AItmUR

Mostre  a la Corte di Felsina

-Contemporary still life –  marzo  2014A5 MARZO 2014 web piccolo

-Cibo  natura e paesaggio nell’arte -23 maggio /14 giugno 2015Copia di A5 maggio 2015 web

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *