Nagra (Graziella Massenz)

La sua  grande passione per i cromatismi di  Matisse  influisce sul suo modo  di  stendere le tinte ,vive , pastose, forti  che ,unite alle geometrie ordinate e precise  delle   forme ,danno come  risultato  finale  quello  di  colpire direttamente l’occhio osservatore, trascinandolo in un mondo metafisico ed onirico dove  paesaggi, architetture, fiori e natura sono trasfigurati in  un’atmosfera   fuori  dal  tempo  ma dentro  ad uno spazio  che ,pur essendo ben definito, trasporta lo spettatore  all’interno di  una nuova  ‘realtà  -irreale’.  

Un lungo  filo  che lega le figure  nella scena pittorica ,è il cordone misterioso  della vita che tiene unita la materia al  cielo ( …Come in cielo, così in terra , come in alto, così in basso ; l’eterno logos di  Ermete Trimegisto)

(testo  di  Anna Rita Delucca- Aprile  2017-Copyright)

Mostre  a La Corte di  Felsina:

Elan vital

Fiori ed erbari  nell’arte:

 

 

 

 

 

 

 

Viaggio nel  destino- maggio 2017

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *