Il naufrago dell’ Espero. Storia vera di un sopravvissuto

Il naufrago dell’ Espero
Storia vera di un sopravvissuto
——————————–
Autore: Anna Rita Delucca
——————————–
Edito da Youcanprint
——————————–
ISBN 9 791220 359924
—————————————————————————————————————-

—————————————————————————————————————–

—————————————————————————————————————–
Recensioni

La storia vera di un italiano che nella prima parte del secolo scorso, si lasciò illudere dalle promesse del duce cadendo come tanti uomini dell’epoca, nella trappola micidiale del regime fascista. Le sue avventure durante le guerre coloniali in nord Africa, il naufragio della nave da combattimento su cui era imbarcato nella seconda guerra mondiale, la fuga dalle brigate partigiane e la prigionia presso gli alleati americani. Il tutto in un contesto che si staglia tra i territori dell’Appennino emiliano con le proprie arretratezze, la città di Bologna con le sue lotte politiche, il sud Italia e le miserie dei braccianti; infine, il Mar Mediterraneo in cui si verificarono scontri bellici violentissimi ed episodi mistici. La vita, il pensiero e i sentimenti di un uomo semplice, che visse esperienze fuori dal comune.
Youcanprint
—————————————————————————————————————
Un romanzo storico davvero emozionante, ti costringe a leggerlo tutto d’un fiato per le avventure incredibili di un superstite che rimane in una zattera in mezzo al mare per due settimane senza cibo nè acqua. Ambientato nella seconda guerra mondiale tra il territorio montano dell’Emilia e il mare Mediterraneo racconta delle visioni e allucinazioni mistiche che i personaggi vivono durante il naufragio. Pensare che si tratta di una storia del tutto vera fa venire i brividi .Un libro da leggere assolutamente
(L.N)

—————————————————————————————————————

Anna Rita Delucca

—————————————————————————————————————
Anna Rita Delucca
Dal 1993 è saggista,storica dell’arte moderna, articolista per riviste d’arte specializzate. Attualmente è al suo primo romanzo storico
—————————————————————————————————————

CONDIVIDI SU:

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *